PolymerClay

TO DO YouClay!
Considerazioni personali  settembre 2011

Come accennato in un post precedente, mi sono convinta a provare le paste polimeriche dopo aver tentano invano di riprodurre millefiori canes con la pasta di mais.
Ho acquistato dei panetti da 56gr di YouClay della TO DO. Ho letto su molti siti, compresi quelli che la pubblicizzano ufficialmente che è a base di cera d'api, e questo può trarre in inganno, può far pensare che sia un prodotto naturale, invece sulla confezione c'è scritto "con cera d'api naturale".
All'interno della confezione e sul sito di uno dei distributori c'è anche scritto " non contiene ftalati ed è in regola con la normativa ASTM D-4236" io non sono un chimico e non ho la possibilità di analizzarla, quindi mi devo fidare
:-), e ancora "Si può cuocere nel forno di casa per max 30 minuti e a max 120°. non va surriscaldata per non sviluppare gas e non va cotta a microonde"... se non va surriscaldata per non sviluppare gas, non è diversa dalle altre paste... e quindi mi sono comprata ad hoc un fornetto elettrico ventilato, da usare solo per questo.
Ha 60 colori:
40 della linea Essentials cioè i classici
5 della linea Marmor, marmorizzati
4 della linea Neon
11 della linea Glam, glitterati
Sembra che il trasparente di questa marca sia il più limpido in commercio, in effetti è molto trasparente ma lo devo ancora confrontare...
Purtroppo non hanno ancora pensato a produrre dei panetti di grammatura più consistente :-)
Passiamo ora alle note positive, ovviamente, secondo il mio punto di vista:
1) la confezione, una scatolina trasparente richiudibile, mantiene integro il panetto o gli avanzi, invece dell'involucro di cellophane che si spacca quando lo apri e lo devi buttare
2) appena tirata fuori dalla confezione è già lavorabile, non si sgretola, è già morbida, bastano un paio di passate nella macchina per la pasta e via.
3) non ha un odore sgradevole, altre paste odarano di barbie appena comprata

Di recente ho acquistato anche dei panetti di Kato Polyclay da 354gr (sicuramente più conveniente) e ho potuto riscontrare subito le differenze.
La Kato è durissima in confronto, si sgretola e sa di barbie appena comprata, ma non si appiccica, mentre la YouClay essendo molto più morbida aderisce subito ed è difficilissimo se non impossibile staccarla senza rovinare il lavoro, ma se si usa un po' d'acqua, o borotalco o maizena per non farla aderire mentre si lavora, il rischio si riduce considerevolmente.
Nonostante questo piccolo neo, mi trovo molto bene con la YouClay, e visto che ottengo buoni risultati anche mischiandola alla Kato continuerò ad usarla :-)

AGGIORNAMENTI AD UN ANNO DI DISTANZA

(Giugno 2013) Beh in effetti è passato un po' più di un anno...  e devo dire che sostanzialmente la mia considerazione per la YouClay non è cambiata... mi piace un sacco!!!!
Ho sperimentato parecchio, anche se non quanto avrei voluto.
Vi avevo lasciato con il dubbio se il trasparente di questa marca fosse davvero il più limpido, come si diceva... secondo me (ma non predente le mie parole cone oro colato... sono solo impressioni personali) è un ottimo trasparente in strati molto sottili, non ho evidenziato differenze significative tra questo e quello per esempio della Kato Policlay

Ci sono anche delle belle novità!!!

L'anno scorso mi lamentavo che non avessero pensato di produrre panetti più grandi... et voilà ora sono reperibili panetti da 225gr, per ora in colorazioni limitate e tutte della linea Essential:
- Trasparente
- Bianco
- Milk
- Cool White
- Pearl White
- Skin Tone novità assoluta tra le colorazioni anche nei panetti da 56gr
- Lemon
- Gold
- Cadmium red
- Maroon (?????? bah)
- Milk Chocolate
- Black
Sono state lanciate anche due nuovissime linee:
TO DO YouClay Precious con parti minerali micacee che rendono la pasta luminosa e cangiante per ora disponibile nelle colorazioni:
- Gold
- Silver
- Platinum
- Copper
TO DO YouClay Artist con pigmenti purissimi e con un consistenza più dura che dovrebbe permettere maggiore precisione, disponibile nei colori di base, ma tutti miscelabili tra di loro:
- Trasparente
- Bianco
- Nero
- Giallo
- Rosso
- Blu
- Verde

E per finire altre due bellissime novità:
- una nuova formula per la vernice brillante, più liquida in modo da non lasciare bruttissime strisce sui nostri lavori e quindi di più facile applicazione
- Metallo liquido nelle colorazioni oro e argento, sono colori metallizzati a base d'acqua, applicabili a pennello o a spugna.

Al prossimo aggiornamento!!!!!










Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...