lunedì 4 marzo 2013

Con la pasta polimerica si sa... non si butta niente!!!

Quando si lavora con la pasta polimerica, alle volte gli scarti, anche se microscopici, possono essere parecchi, che fare di tutti quei pezzetti e pezzettini?
Un altro miliardo di cose!!
Si possono mettere tutti insieme e miscelarli poco o molto a seconda di quello che si vuole ottenere.
Possiamo passare il "malloppo" di scarti nella macchina della pasta e tenere d'occhio quello viene fuori ad ogni passata. 
Possiamo, se fattibile, dividere gli scarti per colore e creare altre gradazioni di quel colore.
Possiamo volere una sfoglia dai mille colori o sfumature o venature, oppure una sfoglia a tinta unita (in genere però se non si è riusciti a dividere i colori, tendente al verde o marrone) ed usarla per creare perle di base da rivestire con fettine di millefiori. 
Con la maggior parte delle paste polimeriche, se gli scarti non sono "freschi di giornata" ovvero manipolati da poco, li troveremo più duri e friabili praticamente come se avessimo appena comprato la pasta, quindi sarà necessario un buon condizionamento per far si che le particelle di plastificante si  ridistribuiscano uniformemente e la pasta sia facilmente modellabile, quindi al 99,9% dei casi ci troveremo a dover scegliere la sfoglia in tinta unita, perchè ad ogni passaggio nella macchina della pasta i colori si fonderanno sempre di più.

Ho scritto "Con la maggior parte delle paste polimeriche..." perchè per mia fortuna quella che uso (vedi scheda PolymerClay), anche a distanza di mesi rimane morbida e bastano veramente pochissime passate in macchina per renderla pronta per essere trasformata.

Dopo questa Divina Commedia... veniamo all'esempio pratico: avevo degli scarti, non assoluti, di pasta bianca, nera, argento e bianco perlato con i quali ho realizzato queste 4 perle ovali di circa 2cm di lunghezza e 1cm si spessore. 
Al di là delle misure, sono ovviamente una diversa dall'altra e vanno a comporre questo braccialetto, alternandosi a perle in metallo argentate dal disegno floreale.




14 commenti:

  1. Hai proprio ragione!!! Non si butta via niente e poi che sfumature si ottengono...io invece uso il fimo soft,classic e liquid e mi trovo benissimo.
    Sei grandiosa,ottime creazioni ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola per i gradiosi complimenti e per essere passata di qui ^_^
      Ho sbirciato il tuo blog, le tue rose mi piacciono molto :)

      Elimina
  2. ...ecco...io, per esempio, non sapevo ci fosse una macchina per fare la pasta...
    il bracciale è geniale, però adesso io avrei un sacco di domande..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. XDDDD è una normalissima macchina per la pasta (quella che si mangia... tagliatelle, sfoglie etc)
      Si usa con la pasta polimerica nello stesso modo ma lo scopo principale è "condizionare" la pasta polimerica, renderla morbida per essere facilemnte lavorata, per mischiarla e creare nuove colorazioni o sfumature tecnicamente dette Skinner Blend...
      Spara, cosa c'è nel tuo sacco di domande??

      Elimina
  3. ma che bello!!!! sei davvero fantastica, complimenti!!! ^_^

    RispondiElimina
  4. E' proprio vero, ogni cosa, anche uno scarto, si può trasformare in un gioiello. Sei sempre brava, Marina!

    RispondiElimina
  5. Brava, no agli sprechi! Il bracciale è venuto molto carino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fabiana.
      No agli sprechi in generale!!!
      In particolare la pasta polimerica, oltre che costare non è propriamente biodegradabile purtroppo!!!

      Elimina
  6. Ho visto il tuo sito su quello di "MAGIKEMANI" che seguo e l'ho inserito
    subito tra i miei preferiti. Complimenti per i tuoi lavori: mi piace
    molto il tuo stile e finalmente non vedo dolcetti in pasta polimerica!
    Oltre alla lavorazione del rame (che è la mia passione), mi diverto molto
    anche con la pasta polimerica per i componenti. ciao, a presto Aldina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aldina, grazie mille anche a te per la visita e i complimenti :)
      che ricambio con molto piacere. Ho visto che di recente hai pubblicato un post, quello del braccialetto in cuoio, dal titolo simile al mio XDD.
      Con più calma spulcerò gli altri post, hai un blog molto interessante.
      Confesso che i dolcetti in pasta polimerica (con tutto il rispetto per chi li crea, ragazze non me ne vogliate vi prego) danno un po' ai nervi anche a me XDD.
      Non sto parlando delle perfette miniature di torte e pasticceria, ma della bigiotteria composta da cupcakes e compagnia bella...

      Elimina
  7. Magnifico questo bracciale, come sempre elegantissimo e che belli i fiori! Hai un gusto insuperabile!
    http://fantasyjewellery1.blogspot.it/

    RispondiElimina
  8. Accidenti, Serena, i tuoi complimenti mi lasciano sempre a bocca aperta!!
    Grazie mille :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...